Convegno su rete museale carceraria al Circolo dei Lettori

28.05.2015 00:43

Si terrà oggi alle 14.30 al Circolo dei Lettori di Torino (via Bogino 9) un convegno dal titolo "Verso una rete museale sulla storia della penalità in Piemonte". L'obiettivo dell'incontro, che coinvolgerà il Consiglio Regionale del Piemonte e il Garante delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale, è quello di stimolare una sinergia fra istituzioni ed associazioni piemontesi per creare un grande polo culturale piemontese sulla storia delle carceri.

Il progetto “Storia della penalità in Piemonte” proporrebbe una rete formata da una serie di strutture espositive già esistenti (o in via di allestimento) sul territorio piemontese che hanno come tema unificante la storia della penalità, termine che indica tutto quello che riguarda la pena e l’amministrazione della giustizia penale.
Da questo punto di vista, il Piemonte può offrire l’opportunità di mettere in collegamento molteplici realtà museali, alcune di recente costituzione, come il “Museo della memoria carceraria” di Saluzzo, con strutture come il carcere di Alessandria, quello de “Le Nuove” di Torino, le realtà più piccole delle carceri mandamentali di Biella e Rocca de Baldi e, ancora, le carceri napoleoniche del Palazzo dei Paleologi di Acqui. E naturalmente moltissime altre realtà. 
 


Il museo del carcere  "Le Nuove" di Torino

Nell’ambito del progetto del citato Museo della memoria carceraria di Saluzzo, l’amministrazione comunale saluzzese ha predisposto in locali, già arredati grazie ad una donazione del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Torino e adiacenti all’allestimento museale della Castiglia, la costituzione di una Biblioteca e Centro Studi sulla storia della penalità in Piemonte. Tali locali potrebbero essere utilizzati per ospitare la sede della costituente rete museale senza significativi ulteriori costi di allestimento.

La giornata di dibattito vedrà tra i protagonisti il vicepresidente del Centro Studi e Ricerche Storiche Piemontestoria, Milo Julini, che farà un intervento sul titolo: "I briganti popolari del Piemonte e le forze per la repressione del crimine".Il programma dell’incontro, che avrà come Moderatore Bruno Mellano, Garante delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale della Regione Piemonte, prevede gli interventi di:
Claudio Sarzotti (Professore ordinario di Sociologia del diritto Università degli Studi di Torino e Curatore scientifico del Museo della memoria carceraria della Castiglia di Saluzzo);Laura Scomparin (Direttore del Dipartimento di Giurisprudenza, Professore ordinario di Diritto processuale Università degli Studi di Torino);Marco Bonfiglioli (Dirigente Ufficio Detenuti e Trattamento Provveditorato Regionale dell’Amministrazione Penitenziaria Piemonte e Valle d’Aosta);Enrica Pagella (Fondazione Torino Musei, Direttore Palazzo Madama e Borgo Medievale);Edoardo Garis (Archivio di Stato di Torino);Daniela Caffaratto (Soprintendenza Archivistica per il Piemonte e la Valle d’Aosta);Giacomo Giacobini (Coordinatore Museo dell’Uomo per il Museo Antropologico Cesare Lombroso); e naturalmente Milo Julini. Verranno infine esposte testimonianze ed esperienze dei comuni interessati e delle varie realtà territoriali.


Carceri d'invenzione, di Giovanni Battista Piranesi 

Il tema della penalità mostra una notevole attrazione per il “consumatore-turista” post-moderno, in primo luogo perché alimenta grandi suggestioni emotive: basta pensare all’immenso immaginario collettivo relativo al crimine e alla sua repressione.
Ma questo tema appare invitante anche dal punto di vista culturale e scientifico, perché attraverso la storia della penalità si accede all’intero patrimonio della storia istituzionale e sociale di un territorio.


CONVEGNO SULLA RETE MUSEALE CARCERARIA
Orari: 14:30 - 18:30
luogo: Circolo dei Lettori di Torino 
indirizzo: via Bogino 9

 

 

 



 

© 2010 Tutti i diritti riservati.

Crea un sito internet gratisWebnode